Perché aprire una pagina fan e non un profilo privato per la tua attività su Facebook

pagina fan facebook

Ti chiedi mai perché la tua azienda dovrebbe essere su Facebook con una pagina fan?

Quali sono i vantaggi che questa immensa piattaforma può offrirti?

In questo articolo cerchiamo di spiegarvi perché conviene esservi presenti ed il miglior modo di fare business.

Facebook, con oltre 1,3 miliardi di utenti attivi nel mondo e  24 milioni in Italia, è sicuramente la più grande piattaforma sociale del momento grazie alla quale è possibile entrare in contatto con molte persone contemporaneamente.

Questo fa si che sia di fondamentale importanza anche per le aziende essere presenti in questo grandissimo acquario, al fine di raggiungere un numero più ampio possibile di persone che possano diventare potenziali clienti.

Dato il potenziale elevatissimo di persone che ogni giorno trova aziende e si connette alle loro pagine tramite Facebook (oltre 150 milioni) è di fondamentale importanza esservi presenti.

Il primo passo da compiere è creare una fanpage; le persone fisiche creano un profilo personale, mentre i marchi, i prodotti, le aziende utilizzano una pagina che rappresenti al meglio la loro attività. Il profilo è creato per gli amici, ma ne pone il limite di 5000; la pagina invece non ha limite di persone che possono interagirvi e ti permette di accedere a dati e statistiche.

Come si crea una pagina?

Bisogna accedere a www.facebook.com/pages/create e scegliere la categoria che rispecchi la tua attività. Non è necessario avere un profilo personale per creare una pagina.

Scegliere poi un nome che la rappresenti; i nomi delle pagine devono:

  • usare una lettera maiuscola per ogni parola;
  • non deve contenere tutti i caratteri in maiuscolo;
  • non deve contenere simboli e indicazioni geografiche.

Quando la pagina supera i duecento mi piace non è più possibile cambiarne il nome, se non con una richiesta a Facebook che certifica la tua azienda.

Aggiungere poi le informazioni inerenti all’attività svolta, più dettagliate possibili, che descrivano l’azienda e i suoi obiettivi.

Inserire un’immagine di profilo e di copertina: la prima solitamente è il logo, la seconda invece deve coinvolgere l’utente, sempre nell’ambito dell’attività; immettere un indirizzo URL che rappresenta la tua azienda.

Una volta creata la pagina, invitare gli utenti a cliccare mi piace per creare la prima base di fan. Lo scopo è interagire con loro, in modo da conoscerne gli interessi e avere un feedback diretto grazie a commenti o messaggi, che ti permetta di migliorarti,ma soprattutto di capire quali sono i loro interessi, così da permetterti di creare un modello di business apposito, per fa si che possano diventare potenziali clienti.

In che modo si interagisce con i fan?

Attraverso il coinvolgimento diretto: pubblicando post, aggiornamenti di stato, domande, notizie brevi, chiare e soprattutto coinvolgenti, che spingano l’utente ad interagirvi e che garantiscano un motivo sempre nuovo di visitare la pagina.

I contenuti che si possono pubblicare su una pagina possono essere:

  • Aggiornamento di stato
  • Link
  • Foto e Video
  • Domande
  • Offerte
  • Eventi
  • Traguardi.

E’ consigliato pubblicare maggiormente foto e video, essendo più visibili e più emozionanti, quindi in grado di catturare l’attenzione e stimolare l’utente a cliccare mi piace.

Ogni azione da parte dei fan nei confronti dei post pubblicati genera una notizia che sarà visibile dai loro amici, favorendo un passaparola virale che garantisce una visibilità ampia alla propria pagina.

Tutti i post pubblicati vengono visualizzati dai fan nella sezione notizie, ossia l’homepage di Facebook, che viene personalizzata su tutti gli utenti in base agli interessi espressi e alle connessioni che hanno. Questa è uno spazio limitato, poiché gli utenti ricevono gli aggiornamenti da amici e pagine, quindi i post possono essere moltissimi.

E’ fondamentale promuovere un post per far si che venga visto da più persone possibili.

Come si promuove un post?

Per promuovere un post accedere alla propria pagina, cliccare sul pulsante promuovi e seguire la procedura guidata per indicare il target di riferimento ed il budget. E’ fondamentale poi utilizzare dei dati Insights, dei report gratuiti, che ti permettono di monitorare il numero degli utenti che interagiscono con te, quanti hanno parlato della tua pagina nell’ultimo mese e quali contenuti sono risultati maggiormente interessanti.

Un’altra forma di post promosso sono le offerte, una sorta di coupon da indirizzare ai fan; nel momento in cui questi ultimi accettano l’offerta, generano una notizia visibile sull’homepage dei loro amici, i quali possono esserne influenzati e spinti a cliccare mi piace.

Come si crea un’offerta?

E’ molto semplice: selezionare l’opzione offerta/evento e scegliere il tipo di offerta, indicare cioè se è soltanto online (fruibile solo sul web), se solo offline (solo in loco) o se entrambi, aggiungendo tutti i dettagli ed il budget di riferimento.

Ogni volta che un fan interagisce con un post, con un’offerta o con un post promosso amplifica il passaparola.

I dati confermano che quando un’inserzione è associata al nome di un amico, le persone sono 4 volte più propense ad effettuare l’acquisto, 2 volte più consapevoli del marchio e 1,6 volte più capaci di ricordare il marchio stesso.

Per questo è fondamentale sfruttare i propri fan; è necessario poi procacciare nuovi potenziali clienti.

Ricorda che Facebook può raggiungere oltre 1 miliardo di utenti.

Non ti offre solo la possibilità di raggiungere questo vasto numero di utenti, ti permette anche di indirizzare un determinato messaggio al giusto gruppo di destinatari, in maniera semplice ed ad un costo decisamente accessibile.

Con Facebook puoi targhetizzare raffinatamente il pubblico ed indirizzare il tuo messaggio esattamente a chi vuoi raggiungere, in base a:

  • età, sesso, luogo, data di nascita;
  • gli interessi, le connessioni con gli amici, i mi piace espressi;
  • le relazioni sentimentali, il lavoro, l’istruzione.

Questo favorisce un’accuratezza nella ricerca di oltre il 90%.

Come si crea una campagna pubblicitaria?

Collegarsi a www.facebook.com/ads/create e stabilire il proprio obiettivo: aumentare i mi piace o promuovere un post. A questo punto, scegliere i destinatari del messaggio ed il budget che sei disposto a spendere, che può essere a vita, quindi per tutta la durata della campagna oppure giornaliero. Fare un’offerta e programmare la campagna inserendo la data di inizio e di fine, potendo modificare tutti i parametri in qualunque momento.

E’ possibile monitorare l’andamento delle inserzioni su www.facebook.com/ads/manage, dove si ha una visualizzazione completa di:

1) portata sociale, cioè quanti amici hanno visualizzato l’inserzione;

2) i click, le azioni;

3) le prestazioni della campagna in generale.

Da uno studio su oltre 60 campagne pubblicitarie, il 70% ha tre volte il ritorno dell’investimento sulla spesa effettuata per l’inserzione; il 49% ha ben 5 volte il ritorno.

Molte persone ritengono che il fatto di avere una pagina su Facebook sia abbastanza per aiutare la loro azienda: non può essere più lontano dalla verità. Infatti, se non se ne fa uso correttamente, può essere più svantaggioso che non esserci.

E’ importante quindi:

  • assicurarsi di non lasciare la pagina a se stessa;
  • pubblicare quotidianamente e negli orari giusti, almeno 1-2 post al giorno;
  • prediligere la qualità alla quantità;
  • non creare post di vendita diretta con prezzi e sconti per non annoiare l’utente, ma anzi condividere contenuti interessanti e coinvolgenti.

Inizia subito cliccando qui >>

Serafino
 

Imprenditore sul web dal '97.